Come scrivere online: 9 tipi di post vincenti

come scrivere online contenuti qualità
Credits immagine: http://victorfalcon.es/content/images/2014/12/Pencils-2.jpg

Cosa piace leggere ai lettori online? E dal punto di vista del blogger o di una redazione: come scrivere online per blog e siti? Succede spesso di scrivere pagine su pagine e poi non avere il successo sperato.

Di base, tutti i “teorici” della comunicazione dicono che per aver successo nella produzione di contenuti online (e non) bisogna scrivere degli articoli che portino un vantaggio al lettore.

Di che vantaggio parlo? Scendo nel concreto e faccio qualche esempio:

Chi legge vorrebbe ricevere…

  • una soluzione ad un problema ricorrente;
  • uno spunto di riflessione da cui partire per un progetto o per sviluppare un’idea;
  • degli strumenti per risparmiare tempo e ottenere risultati;
  • dei consigli che portino ad un guadagno – concreto o meno che sia;
  • delle analisi che facciano luce su un tema complesso;
  • dei casi di successo e insuccesso;
  • delle fonti autorevoli e magari non così note per saperne di più su un argomento;
  • delle esperienze personali, dirette, di chi ha già sperimentato in prima persona;
  • delle risorse gratuite da poter sfruttare;
  • delle istruzioni precise per accompagnare i lettori meno esperti;
  • anche il racconto sentimenti e sensazioni provati dall’autore in una certa situazione (tutto ciò che ha implicazioni emotive non è sempre così semplice da afferrare);
  • delle emozioni;
  • delle novità e delle previsioni su ciò che accadrà in futuro in un certo campo;
  • dei trucchi particolarmente astuti.

Ovviamente non tutte queste cose in un solo articolo. Se si riesce a produrre dei contenuti di questo tipo, allora si può parlare di “contenuti di qualità”, che tanto piacciono a Google e ai lettori. A questa “qualità”, poi, si possono aggiungere alcune accortezze di Seo Copy per rendere ancora più efficace la diffusione e la visibilità dell’articolo, ma rimane il fatto che il vantaggio per il lettore debba essere una costante indispensabile da cui partire.

Dal mio punto di vista, osservando i blog in cui scrivo e anche blogger molto noti, noto una certa ricorrenza al successo in tipologie di post ben precise che riassumono sempre almeno uno dei punti precedenti.

Avevo già fatto in passato una classifica simile, ma credo ci siano delle novità. Ecco quindi la mia nuova personale classifica dei…

9 tipi di articoli che hanno successo online

1

Epic Fail

Algida, Moncler e compagnia bella: se sarete veloci nel riportare la notizia di un cosiddetto “epic fail”, cioè di una sciocchezza commessa da qualche “big”, otterrete subito grande attenzione e cavalcherete la polemica. Qualche volta ne ho scritto in passato (ad esempio il caso Algida), però ora forse non lo rifarei: si scatena la gara di velocità tra blogger per sfruttare la (spesso falsa) indignazione dei lettori, senza reale valore aggiunto.

2

Case Studies

Casi di studio, esempi concreti di successo: se da questi casi, poi, si riesce a ricavarne una conclusione valida in via generale e applicabile anche dai lettori, allora la vittoria è assicurata. Molto efficace anche il riuscire a stimolare il dialogo proprio con “gli attori” protagonisti dei case studies citati.

3

Aggiornamento su notizie recenti

Novità dirompenti, nuove caratteristiche o regole da rispettare: tutte cose che vanno forte per qualche giorno purché riusciate ad avere “tempismo”, dato che sarà argomento anche di altri blogger e siti affini al vostro.

4

Attualità

Con attualità mi riferisco alla capacità di “stare sul pezzo” e centrare gli avvenimenti ricorrenti di un dato momento temporale: un riferimento al Natale in prossimità del 25 dicembre, un articolo sulle novità di una fiera in corso di svolgimento particolarmente importante, una giornata nazionale su un certo tema. Per avere una traccia da sfruttare vi rimango al calendario delle giornate nazionali e mondiali da ricordare.

5

Notizie emozionanti

Internet è un grande spazio di svago, oltre che di informazione, per tantissime persone. Innescare la condivisione di contenuti è particolarmente facile quando riuscite a stupire, divertire e sorprendere. In generale, è facile quando riuscite ad emozionare, anche in maniera negativa: ecco perché i già citati articoli sugli scivoloni di marchi famosi o persone sono così di successo.

6

Consigli e guide

Consigli e guide in punti, schematici e facili da seguire (ideali per una lettura veloce), sono articoli sempre molto apprezzati, anche lato motori di ricerca. “Le 8 migliori piattaforme per…”; “I 10 step che dovete assolutamente conoscere…” sono titoli che funzionano sempre molto bene.

7

Problema – Soluzioni

Se individuate e spiegate la soluzione ad un problema, i lettori ve ne saranno grati: riuscirete ad attirare proprio quelle persone che stanno effettuando una ricerca di soluzioni molto specifiche. In inglese, questo tipo di articoli sono i classici “How to…”; in italiano “Come fare per…”

8

Provocazioni

“Facebook non funziona affatto!” –> titoli sensazionalistici e provocatori tipo questo sono una trappola attira click per i lettori, che vogliono essere informati per evitare di “farsi fregare” o per tuffarsi nella polemica. Attenzione però: oltre al titolo provocatorio, ci dev’essere argomentazione e una tesi concreta da difendere.

9

Interviste

Proprio perché i punti di vista e le esperienze personali piacciono, una strategia di copywriting vincente prevede anche una serie di interviste ad esperti vari. Peraltro, è anche un modo intelligente per mostrarsi ai seguaci – spesso numerosi – di questi esperti ed allargare sempre più la propria notorietà online.

In generale, di qualunque cosa decidiate di parlare, c’è però una buona norma da ricordare sempre: inserite il vostro punto di vista personale, “metteteci la faccia”. E’ un modo per dare personalità e spessore a contenuti che possono essere riformulati anche in altri siti: ma la vostra personalità, quella no, quella appartiene solo a voi in quanto autori e può fare la differenza tra un lettore che ritorna sul vostro sito e uno che non ci ritornerà mai più.


Accedi a risorse riservate – gratis – ogni mese (e ottieni subito l’e-book gratuito!)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *