Google Currents: tanti punti di forza e qualche dubbio

L’app (versione Android) di Google Currents, tanto celebrata da diverse riviste di settore, non mi ha convinto al 100%.

Andiamo con ordine. Innanzitutto, di cosa si tratta? Google Currents è un’app che permette di rimanere aggiornati su tutta una serie di argomenti e news di vostro interesse, dal design allo stile di vita, dall’economia allo sport.

Pro

  • L’app si presenta semplice e immediata: sotto la voce “Raccolta” sono presenti tutte le categorie all’interno delle quali poter scegliere le fonti di informazioni; sotto la voce “Di tendenza” ci sono i consigli sui primi 5 articoli da seguire su vari argomenti.
  • Una caratteristica sicuramente vincente, inoltre, è lo scorrimento delle pagine in senso orizzontale, a mo’ di e-book. Il caricamento delle pagine è veloce, senza scatti e molto piacevole.
  • A differenza di Pulse, è piuttosto “leggera”, veloce a caricarsi, senza scatti o rallentamenti.
  • Tutte le testate presenti su Currents sono gratuite.
  • Può essere consultata anche offline (si vedranno i contenuti caricati in precedenza, ovviamente)
  • Si possono seguire le raccolte di notizie selezionate da alcuni curatori d’eccezione.

Contro

In Google Currents c’è però a mio avviso un problema non da poco: è sicuramente piacevole seguire i “primi 5 articoli di tendenza” proposti da Google Currents, però così facendo si va incontro ad informazioni già mainstream, che si possono trovare in qualunque media nazionale o internazionale. Niente di nuovo, insomma.

A differenza di Pulse, infatti, non si trova la possibilità di inserire deliberatamente un blog o un sito anche non famoso ma che vi piace particolarmente e su cui volete rimanere aggiornati. L’obiettivo di Google con la sua app Currents è sicuramente diverso, questo è chiaro, eppure a mio modesto parere questo è un limite che a molti utenti farà preferire ancora Pulse a Currents (faccio parte del gruppo).

Da considerare inoltre l’usabilità: forse è solo una mia impressione, ma la navigazione al momento non è poi così immediata.

Insomma… Currents o Pulse?

More from Luca Crivellaro

Video is the New Black: 5 pillole per Video Social di successo

Ormai lo sappiamo tutti, “video is the new black” quando si parla...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *