Il futuro del Web: immaginare un mondo senza rete

Come sarebbe il mondo senza Internet? Una prospettiva improbabile, ma assolutamente ipotizzabile. Uno scenario sicuramente distopico e oscuro, che segnerebbe un salto nel passato…

Sostienimi! :)

Come sarebbe il mondo senza Internet? Una prospettiva improbabile, ma assolutamente ipotizzabile. Uno scenario sicuramente distopico e oscuro, che segnerebbe un salto nel passato considerevole di più di 50 anni. Niente più mail e social network, scordatevi gestionali e sistemi cloud. Francobolli al posto dei tweet, enciclopedie al posto di wikipedia, i-pad neanche a considerarli. La comunicazione subirebbe un brusco arresto, l’economia pure: molti lavori perderebbero ragion d’essere, altri verrebbero ridisegnati su carta e calamaio. Come ha sottolineato Mashable con un’infografica (che vi riportiamo), Facebook da solo in questi anni ha creato circa 450.000 posti di lavoro e Internet, con l’evoluzione della rete, contribuisce in tempo reale a creare e mutare le dinamiche del lavoro esistente. Internet crea 2,6 posti di lavoro per ogni occupazione che diventa obsoleta a causa dell’innovazione.

Oggi eravamo presenti al Pwes3 (Pane Web e Salame) e tra le tante tematiche si è discusso anche di informazione e frammentarietà della rete. Se da un lato infatti, il web è in constante evoluzione e genera nuovi lavori e nuove metriche di valore (culturale, sociale, economico), dall’altro lato implementa il caos informativo dei contenuti. Non a caso è emersa la necessità di creare ulteriori filtri valoriali per “guidare” l’utente nel maremagnum della rete. E’ stato sottolineato in più di un intervento, come la cura di contenuti di qualità, e la riconoscibilità degli stessi (a livello personale) con metriche superiori a quelle che determinano oggi l’influenza e l’attenzione in rete, sia una necessità per in nuovo “web cellulare” che verrà, 3.0 o semantico che sia.

Un mondo senza rete sarebbe devastante, soprattutto dopo averne annusato le potenzialità e quello che potrà essere. Un salto nel vuoto senza connessioni, un ritorno a valori più stabili, ma drasticamente più statici. Come sottolinea l’Infografica i gradi di separazione aumenterebbero, le distanze culturali pure. All’interno di questa dicotomia tra innovazione e tradizione, recuperare valori “artigianali”, “letterari”, “comunitari” che richiamano ad un passato senza rete potrebbe però essere una soluzione alla frammentazione. Valori che devono essere  traslati nel pensiero dell’uomo moderno e iperconnesso, all’interno del modello sociale a rete, superando i confini digitali. La contaminazione tra passato e presente potrà dunque offrire nuovi modelli di gestione e organizzazione tra materiale e immateriale, tra il web e le persone in carne ed ossa.

Possiamo solo fare delle ipotesi. Secondo voi come sarebbe un mondo senza rete? Come potrà evolvere Internet nel prossimo futuro?

More from Mattia Farinella

Twitter video, sempre più visuale!

Twitter ha annunciato sul suo blog un aggiornamento che rende più facile...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *