Quali saranno trend e contenuti nel web marketing 2014?

Fine anno è tempo di bilanci: ma è anche il momento di guardare un po’ più in là e capire quali saranno i trend e i contenuti principali da cavalcare nel web marketing 2014. Scopriamoli!

Sostienimi! :)

Fine anno è tempo di bilanci: ma è anche il momento di guardare un po’ più in là e capire quali saranno i trend e i contenuti principali da cavalcare nel web marketing 2014.

 

Partiamo da qualche numero:

  • circa 100.000 nuovi articoli pubblicati online ogni giorno;
  • oltre 30 milioni di contenuti pubblicati ogni mese solo dagli utenti WordPress;
  • l’Huffington Post americano pubblica oltre 1300 articoli al mese.

Osservando queste cifre, è evidente che la frequenza di pubblicazione non è più sufficiente. In questa selva digitale diventa necessario trovare un modo per mettersi in maggiore evidenza, ancor più per quelle piccole aziende che non possono competere con i big player del web.

 

Posizionarsi per competere e comunicare correttamente

La visione di quei numeri ci porta quindi ad affermare quanto sia importante, quindi:

  • trovare la propria Unique Selling Proposition (ebbene si, anche per un semplice blog);
  • capire il rapporto tra la tipologia di prodotto e le sensazioni che provoca nella clientela: da li si imposta la corretta strategia di comunicazione;
  • trovare conseguentemente una nicchia (sicuramente già presidiata, ma magari meno affollata di altre) e presidiarla;
  • individuare il proprio target e porsi come riferimento, suggerendo mode, punti di vista e stili e interpretando bisogni specifici.

 

Monitorare! Monitorare! Monitorare!

Ogni nostra azione sul web porta ad una generazione di dati e stimoli enorme, difficile da controllare. Ecco dunque che occorre individuare delle metriche e monitorarle costantemente. Come farlo? Attraverso (anche) strumenti web gratuiti, forse “spaventosi” ad una prima occhiata, ma in realtà assolutamente accessibili e indispensabili. Parlo di:

1. Google Analytics. Probabilmente la combinazione base che dovrete osservare è: traffico organico – % di nuovi visitatori – % di rimbalzo sul sito – tempo medio speso sul sito – impatto dei Social Media nelle visite. In sostanza, misurate cosa producono realmente i vostri sforzi.

2. Google Webmaster Tools. Sempre più indispensabile: da qui osserverete numerose voci e gestirete il vostro sito come Google comanda. Tra le voci da tenere d’occhio, sicuramente “traffico di ricerca – query di ricerca”. Le query per cui gli utenti vi trovano su Google (e la vostra posizione sui motori e i click che vi arrivano) sono informazioni preziose che guideranno la scelta dei vostri contenuti.

3. Social Insight: Facebook Insight ma non solo (ecco qualche Tool per Twitter, ad esempio) per capire come i vostri fan e follower interagiscono con voi.

 

There is nothing so terrible as activity without insight – Johann Wolfgang von Goethe

 

Integrazione della comunicazione – esperienza di consumo univoca

Ecco una lista di canali in cui parlate ai vostri clienti: sito, blog, negozi, rete vendita, dipendenti, customer care, Facebook, Twitter, newsletter, Instagram, Pinterest, pubblicità (di qualunque tipo, online e offline), direct mail marketing, …

Ovvio come sia necessario re-ingegnerizzare la propria azienda affinché qualunque tipo di comunicazione/contatto con l’esterno sia integrato, con lo stesso livello di qualità e quindi con un’esperienza di consumo chiara, solida e costante nel tempo.

 

Sperimentare

Il Facebook o il Google di domani magari è già nato: è cosa buona e giusta sperimentare nuovi canali e approcci, per non farsi trovare impreparati. Gli smartphone sono già una realtà consistente (il 25% delle visite arrivano da li), li state coprendo efficacemente? E che dire di tablet, tecnologia contactless, innovazioni sul punto vendita fisico, wearables, mobile payments, smart TV, etc…?

Pensate esisteranno altri trend e vie da tenere a mente per il futuro prossimo nel marketing digitale?

Fonti: Moz – CopyBlogger – Forrester Research – LeWeb – Instragram Blog – Mashable – Chartbeat.

More from Luca Crivellaro

Scrivere il testo per una landing page: 8 consigli

Perché scrivete nei vostri siti web? Qual è la finalità di tutto...
Read More

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *