Scuola Galileiana: quando la formazione diventa partecipazione

[dropcaps]L[/dropcaps]a Scuola in questo momento storico è in un periodo di assestamento. Le nuove forme di comunicazione e le nuove tecnologie stanno accorciando i…

Sostienimi! :)

[dropcaps]L[/dropcaps]a Scuola in questo momento storico è in un periodo di assestamento. Le nuove forme di comunicazione e le nuove tecnologie stanno accorciando i confini, mutando l’approccio dei docenti all’insegnamento e degli studenti all’apprendimento. Strumenti ma anche nuovi metodi, più dinamici e partecipativi che contaminano le cattedre istituzionali. La conoscenza diventa quindi sempre più importante all’interno di un contesto frammentato dove l’informazione viaggia a ritmi frenetici ed in tempo reale.

La cultura diventa un faro, valore di riferimento per decodificare i nuovi schemi della società a rete. Istituzioni ed enti formativi hanno cominciato a comunicare con i media sociali, per interfacciarsi con studenti e in generale con i giovani italiani. Importanti università hanno approcciato questi strumenti, cercando un rapporto più paritario e diretto con gli utenti.

Un esempio emblematico è la Scuola Galileiana di studi superiori di Padova che ha scelto di adoperare diversi social network per  comunicare le proprie iniziative, i propri seminari ma anche le novità dell’Ateneo patavino e del panorama della formazione italiana. Sondaggi e notizie ma anche foto delle attività e dei momenti di vita quotidiana della Scuola su Facebook, Twitter e Google Plus. La Scuola in questione presenta due percorsi formativi, uno in Scienze Naturali di stampo scientifico e uno in Scienze Morali di natura umanistica.

Due percorsi che si integrano perfettamente con il normale cammino universitario fornendo una esperienza di apprendimento unica in un ambiente stimolante. Una opportunità di crescita per molti giovani che adesso stanno svolgendo gli esami di maturità tra Aristotele . Il bando per l’ammissione alla Scuola è infatti alle porte, la data ufficiale sarà comunicata a breve nei presidi online della Scuola Galileiana. Per descrivere appieno questo percorso formativo vi invito a leggere questa intervista su il Corriere.it a Giulio Cortesi, studente della Scuola che ha descritto il suo cammino formativo, tutt’ora in evoluzione, ma soprattutto ha evidenziato i vantaggi di una cultura aperta e libera da schematismi e pregiudizi.

Il mondo della formazione innovativa assume quindi nuove determinanti, dove il merito è costruito non solo sulla prestazione, ma dall’esperienza personale e dalla conoscenza personalizzata sulle potenzialità dell’individuo. Un apprendimento costante e in progress che può svilupparsi in ambienti idonei come quello della Scuola Galileiana di Padova, organizzazioni che devono fungere da catalizzatori e guide per traghettare il mondo scolastico verso nuove forme di interazione con mondo del lavoro e trasmissioni del sapere partecipate, provando assieme a rinsaldare il gap, non solo linguistico, che ancora oggi abbiamo con molti paesi del mondo.

More from Mattia Farinella

Fotocamera tridimensionale per iPhone col “3dCone”

[dropcaps]F[/dropcaps]oto e video tridimensionali da mobile? Da oggi è possibile, grazie ad...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *