Moolta.com: la start-up che sfida la vostra follia

Stay hungry, stay foolish – cit. Steve Jobs. Questa citazione ha probabilmente ispirato i fondatori di Moolta.com: è l’ennesimo esperimento “Social” riuscito, un folle mix tra un sito di Social Lending, You Reporter e Jackass…

Sostienimi! :)

Stay hungry, stay foolish – Steve Jobs

Questa citazione ha probabilmente ispirato i fondatori di Moolta. Moolta.com è l’ennesimo esperimento “Social” riuscito, un folle mix tra un sito di Social Lending,  You Reporter e Jackass.

Cosa fa Moolta.com?

Moolta è una start-up particolare: raccoglie le classiche sfide che si fanno tra amici e le diffonde alla web tribù, dando la possibilità al pubblico di “puntare” i propri soldi sulle varie sfide. Non avete amici da sfidare ma volete partecipare? No problem: il sito lancia varie sfide da poter raccogliere…

Al raggiungimento della quota prevista, lo “sfidato” dovrà realizzare un video con la sua impresa: una volta caricato il video, solo allora potrà riscuotere la quota monetaria stabilita o far si che la stessa quota sia versata in beneficenza. I premi configurabili dallo sfidante per la riuscita delle imprese sono proprio questi due: riscossione della quota per lo sfidato oppure beneficenza.

Al momento Moolta è un sito molto divertente in cui vedere le proprie “imprese” e dar loro la giusta visibilità e ufficialità. Ma che evoluzione potrà prendere in futuro?

Non solo un sito divertente: la possibile evoluzione di Moolta

Moolta al momento è un sito tutto da ridere, che dà opportunamente spazio anche ad una parte “charity”, solidale quindi, grazie alle donazioni. A mio avviso però, Moolta ha in sé le potenzialità per un’evoluzione forse imprevista ed interessante per i brand: se il sito crescerà in notorietà, visite e fan base sui vari Social Media (e lo farà, grazie ai suoi contenuti divertenti e “leggeri”), potrà cominciare ad essere uno spazio ambito per veicolare messaggi da parte di compagnie e aziende, in maniera virale e con un occhio alla beneficenza.

Succederà? La sfida è lanciata!

More from Luca Crivellaro

Perché la content curation sui Social non è tempo sprecato

Se indovini anche solo un contenuto azzeccato da condividere sui tuoi canali...
Read More

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *