Social Brainstorming: 8 contenuti coinvolgenti per i tuoi Social Network

Chi gestisce i Social Network per lavoro sa benissimo quanto sia complicato creare ogni giorno contenuti di vario tipo, creativi e originali: ecco qualche idea per il tuo Social Media Marketing

Sostienimi! :)

Chi si occupa di gestire i Social Network per lavoro, sa benissimo – a dispetto di quello che possono pensare i non addetti ai lavori – quanto sia spesso complicato creare ogni giorno contenuti di vario tipo (foto, video, status, link, gif, etc), creativi e originali, coerenti con i valori e il messaggio dei canali o pagine che stai gestendo.

Oggi facciamo un rapido excursus dei tipi di contenuto talvolta dimenticati che puoi attivare per la tua attività Social, che si tratti della gestione di una pagina Facebook, un canale Instagram, un canale YouTube…

8 tipi di contenuto per gestire i Social Media con creatività

1. Back to the basic: le infografiche

infografiche socialLe immagini (assieme ai video) sui Social vanno per la maggiore, potendo trasmettere un messaggio con un’efficacia nettamente superiore a un testo scritto, con engagement conseguentemente più elevato.

Premettendo che è sempre meglio rivolgersi a un grafico professionista per ottenere risultati professionali, ecco qualche tool per azzardare il fai-da-te e creare infografiche gratuite accettabili (ce ne sono decine e decine, segnalo solo i migliori e più apprezzati):

  • Canva.com
  • Infogram.com (con cui fai anche mappe interattive e grafici – ne parliamo più sotto)
  • Visual.ly

2. Non dimenticare i contenuti degli utenti

Nel gergo, User Generated Content, ossia i contenuti naturali pubblicati dagli utenti o dai fan. Basta seguire un hashtag per trovare una miniera di contenuti, magari un hashtag legato a un brand o a una situazione vicina al proprio canale Social.

Un esempio semplice: i vari profili Instagram legati alle Dolomiti o al trekking sfruttano foto e video splendidi degli utenti che usano particolari hashtag come #dolomiti o #vieferrate per rilanciare nei propri canali contenuti di valore, attribuendo comunque la paternità all’utente.

Gli E-commerce possono sfruttare questa dinamica per riprendere contenuti visuali degli utenti con il prodotto acquistato, e stimolare la produzione di questi contenuti offrendo sconti agli utenti che invieranno spontaneamente foto e video.

3. La forza della data visualization (alias “un grafico”)

data visualizationHai statistiche o numeri da raccontare? Difficili da esibire sui Social senza stancare la platea, ma la forza esplicativa di un grafico che riassuma certi trend numerici è innegabile.

Oltre ai noti fogli di calcolo come Excel o Numbers, si possono sfruttare anche numerosi tool online che – partendo da una base dati – restituiscono torte e istogrammi a volontà. Esportati come immagini sui Social, possono essere molto efficaci.

Ci sono moltissimi tool online adatti allo scopo, mi limito a segnalarne 2 veramente belli:

  • datawrapper.de
  • Infogram.com (già citato sul paragrafo infografiche)

Se poi vuoi rappresentare dati su mappa, oltre a datawrapper, ti puoi veramente sbizzarrire con uno strumento fenomenale come Carto.

4. Live Video su Facebook e Instagram

Capitolo Live Video, la facciamo molto breve:

PRO – tutti i fan ottengono una notifica all’avvio del Live Video su Facebook, con conseguente altissimo coinvolgimento.

CONTRO – sei in diretta, quindi non hai margine di errore e non puoi “rifare”. Quindi medita attentamente sul cosa vuoi trasmettere in diretta e come. Avere un ripiano dove appoggiare / tenere fermo lo smartphone è buona cosa, per evitare riprese inguardabili e mosse.

Un elemento che manca nel 99% dei Live Video ed è a mio avviso imperdonabile è l’assenza di un inizio e di una fine: estrapolare momenti casuali è solitamente poco interessante e porta i fan a stancarsi rapidamente, magari tolgono pure il like alla pagina.

Suggerimento – Riprendere un evento o realizzare un’intervista sono contenuti di valore, che possono sfruttare una ripresa fissa adeguata ed hanno un inizio e una fine.

Con lo strumento belive.tv è possibile creare anche interviste doppie live.

5. Trasforma un post scritto in un video

da testo a video socialRendere visivo un contenuto scritto come un articolo del blog o una pagina web potrebbe essere una mossa vincente. I video sui Social hanno particolare successo, favoriti anche dall’algoritmo stesso in Facebook. Però non tutti hanno la capacità di bucare lo schermo come Montemagno, quindi si possono adottare diversi escamotage, come l’uso di una voce fuori campo o, senza voce, con scritte che raccontano e sintetizzano il contenuto scritto.

Ma come realizzare questi video? Ecco qualche idea che chiunque può adottare, senza avere particolari capacità di video-making:

  • Facebook Slideshow, strumento disponibile per Facebook e Instagram con cui creare una sorta di video automatico sponsorizzato con foto (o spezzoni di video). Ideale per promuovere un nuovo contenuto, ha una durata massima di 50 secondi ed è un ottimo modo per attirare l’attenzione sul contenuto scritto, a cui le persone approderanno incuriosite…
  • AnimotoShowbox sono tool che permettono – in sintesi – di fare quello che fa Facebook Slideshow, senza essere però costretti a sponsorizzare il video-post come nel caso precedente. Sono fantastici, ma a pagamento (per quanto il costo sia irrisorio). Una buona alternativa attualmente ancora gratuita è Stupeflix.

Per quanto riguarda il contenuto del video: se spieghi “come fare” qualcosa di molto cercato dagli utenti (i video “how to”), soddisferai un bisogno e avrai numerose visualizzazioni nel tempo, oltre a creare materiale utile per YouTube, ottima fonte di visite organiche – naturali.

6. Gif, gif ovunque

Se scorri un po’ lo stream di notizie su Facebook o Instagram, ti salterà all’occhio la crescente presenza di gif e, ancor più, l’alto coinvolgimento che generano.

gif trending via mailLa visualizzazione di una gif non richiede impegno per gli utenti, è senza audio, è rapida: ecco che associare uno status a una gif, al posto della classica foto, è una mossa che può pagare. Ne abbiamo già parlato in un recentissimo articolo, riassumiamo: se si visita il conosciutissimo giphy.com, si troveranno le gif “trending”, inserite dagli utenti di recente e con grande apprezzamento. Dovrai semplicemente trovare quella che fa al caso tuo e che si accoppia bene con un messaggio da comunicare ai tuoi fan.

Per i più smanettoni, è possibile attivare un automatismo con il servizio online gratuito IFTTT (if this then that), che ti permette di ricevere automaticamente nella tua mail le gif del momento (nel articolo linkato qualche riga più su vedi come si fa).

7. Collaborazioni e partnership

partnership social mediaA volte il contenuto non devi nemmeno crearlo, ci pensa qualcun altro.

Questo può avvenire con la condivisione costante di contenuti tratti da un’altra fonte, a seguito di un accordo con un altro sito.

Ecco che un giorno della settimana specifico può diventare un appuntamento costante in cui condividere un contenuto da un’altra pagina o canale, la quale ricambierà con un tuo contenuto settimanale…

8. Sondaggi e scelte degli utenti

utente al centro social mediaContenuto forse banale, ma che funziona molto spesso. Proporre un sondaggio, magari tramite immagini, stimola il naturale coinvolgimento degli utenti: si vede spesso sfruttando le Reactions su Facebook al posto del classico like o “numerando” diverse foto e chiedendo agli utenti di esprimere la loro preferenza.

Al di là della modalità, ciò che conta è il fatto che il focus si sposta verso l’utente, che si sente naturalmente chiamato in causa e partecipe.

Se hai bisogno di supporto lato Social Media Marketing, puoi contattarci o leggere il nostro approccio ai Social Network qui.


Conosci altri modi originali per creare contenuti di successo sui Social Network?


Accedi a risorse riservate – gratis – ogni mese (e ottieni subito gli e-book per creare nuovi contenuti e su “come guadagnare online”)


More from Luca Crivellaro

Social Network: centri commerciali o boutique?

Le app per chattare si travestono da servizio news e da "megafoni"...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *