I Concorsi nella strategia di marketing: i numeri del caso Camst

Oggi diamo i numeri: si, perché nel marketing (e nel web marketing a maggior ragione), tutto può e deve essere misurato e verificato con dati e statistiche concrete.

Se avete buona memoria, ricorderete che recentemente abbiamo capito come creare un concorso online gratuito e abbiamo citato un caso di successo (un concorso registrato però), Natale Che Storia by Camst, azienda italiana con 11mila dipendenti e circa 1300 punti vendita, quindi non proprio un’aziendina.

Osservando i numeri ottenuti da Camst con questo contest, risulta immediatamente chiaro come il concorso sia uno strumento fortissimo – forse uno dei principali – che vi consente di aumentare a dismisura la vostra Brand Awareness e di far interagire con il brand in maniera realmente efficace gli utenti, che siano clienti o potenziali clienti.

I numeri del concorso di Natale Camst

Il concorso, molto semplicemente, chiedeva agli utenti di raccontare la loro storia di Natale. Budget dell’azienda piuttosto piccolo, impegno, competenza e passione molto grandi: ecco cosa si è prodotto nei 2 mesi di attività…

  • visite giornaliere aumentate di 10 volte rispetto all’andamento standard;
  • accesso di nuovi utenti aumentati di circa 7 volte rispetto all’andamento standard;
  • engagement sui canali Social (Facebook in testa) aumentato di oltre 30 volte rispetto al periodo pre-concorso;
  • fan Facebook quasi raddoppiati: da circa 2800 fan a quasi 4300 fan (dato in crescita costante e sopra la media anche ora, a concorso terminato);
  • 266 storie caricate sul portale di Natale Che Storia.

Insomma, la ricetta che ha adottato Camst ma che può valere per chiunque è semplice: idea, progettazione chiara, semplicità, premi importanti, promozione online e meccanismi di votazione “Social” determinano un successo che si protrae ben oltre il periodo di esposizione.

Non è sempre necessario, dunque, pensare di sviluppare un’azione virale con budget incredibili; progettazione e conoscenza delle dinamiche web sono spesso più che sufficienti per emergere nel sempre più affollato scenario di web marketing.

Altri articoli di Luca Crivellaro

Perché una gestione “casalinga” di Facebook non può funzionare

Un grande classico delle piccole e medie imprese italiane, magari familiari, prevede...
Leggi di più

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bee Social Srl userà le informazioni che hai fornito per l'invio di newsletter informative, con aggiornamenti di settore o per finalità di marketing.
Per favore facci sapere le tue preferenze: