WhatsApp Business: il Social chiave per e-commerce e attività locali

La messaggistica istantanea si è evoluta parecchio negli ultimi anni. L’SMS era il fulcro di qualunque comunicazione rapida e innovativa non più tardi di 15/20 anni fa; oggi invece è sostanzialmente relegato ad un ruolo di “servizio”, cioè come canale per comunicazioni automatiche (letture del gas, codici di sicurezza all’accesso di varie app, etc).

Tutta la messaggistica istantanea – quella veramente utilizzata per comunicare più volte al giorno con amici e parenti – si è trasferita su molteplici piattaforme multimediali. Le più famose in Italia? Telegram, Messenger e naturalmente WhatsApp, app di proprietà di Facebook, che conta ormai oltre 1,5 miliardi di utenti (20% della popolazione mondiale).

app chat social maggiormente usate nel mondo - statistica utenti
Fonte: Statista. Dati 2019.

WhatsApp nacque come semplice App per scambiarsi messaggi gratuitamente, divenendo però, in pochissimo tempo, luogo principale delle discussioni digitali grazie alla creazione di gruppi, condivisione di immagini, video, file come i pdf e messaggi audio.

Un sistema di comunicazione così condiviso ed apprezzato è una “miniera d’oro” per chi ne detiene la proprietà: ciò ha portato gli sviluppatori ad investire con forza su WhatsApp, trasformando l’App da semplice canale di comunicazione personale, a strumento di marketing per liberi professionisti, imprese e piccole attività locali.

Con WhatsApp Business, infatti, ogni azienda può veicolare i propri messaggi promozionali, le offerte o le novità su prodotti e servizi in maniera rapida, unendo l’efficienza e la multimedialità dell’e-mail, con la rapidità e la pervasività dei primissimi SMS.

Ah quasi dimenticavo: WhatsApp Business è totalmente gratuito.

I vantaggi e le funzionalità di WhatsApp Business

Vediamo rapidamente le principali funzionalità e vantaggi di W.A. Business: 

🔀 Comunicazione One-to-many e One-to-one – La forza dello strumento sta nella semplicità d’uso, oltre alle sue funzioni: è possibile gestire i contatti in maniera organizzata, evitando i gruppi WhatsApp (troppo confusionari!), mantenendo una comunicazione one-to-many e one-to-one. L’azienda comunica e riceve messaggi, anche a liste di clienti segmentati a dovere, all’interno della strategia di marketing.

📋 Il profilo su WhatsApp Business – È anche possibile strutturare un profilo aziendale con le informazioni essenziali all’utente: indirizzo fisico, sito web e indirizzo email.

📊 Statistiche e analisi – Sono disponibili strumenti di analisi statistica, affinché sia monitorabile – ad esempio – il tasso di ricezione ed apertura dei messaggi da parte degli utenti target delle comunicazioni.

🤖 Risposte automatiche – Puoi impostare un messaggio di benvenuto, ad esempio quando la tua attività è chiusa o semplicemente non sei disponibile, fornendo informazioni generali (orari di apertura; indirizzo; etc…).

categorizzazione utenti whatsapp business 🕵🏻 Profilare gli utenti – Gli utenti si possono “etichettare”: è possibile infatti “taggare” ciascun utente e quindi classificarlo in gruppi. La funzionalità è molto utile perché potrai sintetizzare alcune caratteristiche chiave per ciascun utente (età, preferenze, tipologia di acquirente, etc…).

📣 Facebook Ads e WhatsApp Business – ora è possibile indirizzare gli utenti target di una campagna con Facebook Ads, verso un account WhatsApp.

Così facendo si accorcia e si semplifica il percorso di conversione rapida di un utente in cliente. Approfondisci qui: facebook.com/business/help/447934475640650 – Leggi anche le novità su Facebook Ads e il mondo Facebook in generale.

➿ La versatilità dello strumento fa si che i settori di applicazione della versione professionale di WhatsApp siano i più disparati, grazie certamente alla sua versione desktop per PC: alberghiero, medicale, estetico, ristorazione, alimentare, etc… L’unica discriminante è la strategia di promozione che si vuole intraprendere e la capacità di creare messaggi realmente utili per gli utenti.

Viceversa, il rischio sarà quello di annoiare e allontanare gli utenti, già bombardati da informazioni pubblicitarie di ogni tipo.

Come impostare una strategia WhatsApp Business ideale?

Da dove partire? Sempre dagli utenti e dai loro numeri di telefono.

🕵🏻 Ma la chiave di volta della strategia sarà quella di profilare correttamente i contatti, comprendendo bene le caratteristiche e le preferenze dei gruppi di utenti.

app chat social diffuse nel mondo dati 2020
Attenzione: a seconda del tuo mercato target, potrebbe cambiare lo strumento da utilizzare. Nonostante ciò, WhatsApp è il canale maggiormente diffuso.
Dati WeAreSocial / Hootsuite – 2020

📨 Altro elemento fondamentale, com’è ovvio che sia: il messaggio. Deve essere informativo, chiaro, senza ambiguità, esclusivo. Deve proporre un vantaggio tangibile e percepito come tale. Il tono di voce, a quel punto, passa quasi in secondo piano: è possibile scegliere anche l’informalità, poiché ci si sta rivolgendo a una massa di utenti indistinta, attraverso un canale comunicativo tipicamente informale.

>> [Leggi anche: “WeChat per le aziende: altro che app per chattare…“]

📬 Per ogni specifico obiettivo della strategia è buona cosa ipotizzare 2/3 messaggi da inviare anche nei giorni successivi a chi magari non ha ancora risposto. Senza però eccedere: il rischio è quello di essere percepiti come “spammer” e magari segnalati in quanto tali a WhatsApp.

☎️ È fondamentale quindi anche tutta la parte di “follow-up”, cioè la fase di gestione delle comunicazioni dopo l’invio del primo messaggio: serve per mantenere vivo l’interesse di chi ha risposto o desiderava in qualche modo ricevere assistenza commerciale, in tempi rapidi e certi.

⚡️L’avrai sperimentato anche tu, in quanto consumatore: chi riesce ad essere veloce e preciso nel rispondere ai dubbi del potenziale cliente e a guidarlo all’acquisto, ha molte più chance di abbattere le resistenze naturali dei potenziali clienti, che non vogliono sbagliare acquisto, trovandosi spesso in situazioni di scarsità informativa e di indecisione.

Esistono numerosi casi di successo da parte di brand più o meno noti che sono riusciti a concludere numerose vendite “online” attraverso uno scambio di messaggi con i propri clienti. Ecco perché il plugin o widget di WhatsApp (o di altre chat) che appare in molti siti e-commerce è una soluzione sempre più diffusa.

🔄 Non solo vendite dirette e comunicazioni ai clienti, comunque: numerosi marchi hanno deciso di sfruttare WhatsApp Business per incentivare meglio la propria forza vendita, offrendo ai loro commerciali degli “stimoli” da utilizzare durante il loro lavoro: contenuti accattivanti, aggiornamenti di settore, statistiche, dati commerciali aggiornate, idee per concludere ordini, buone pratiche condivise. WhatsApp diventa così uno strumento di comunicazione interna.

💙 Questi tipi di comunicazioni, facilitati da strumenti così facili e diffusi per tutte le parti in gioco, consentono di creare empatia e relazione, due ingredienti cruciali per il successo di qualsiasi attività di marketing e vendite.

Ulteriori approfondimenti e fonti:

Altri articoli di Sandro Menin

SAS Forum Milan 2019: Shape the New

Come dare forma al nuovo? Questa è stata la domanda che ha...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bee Social Srl userà le informazioni che hai fornito per l'invio di newsletter informative, con aggiornamenti di settore o per finalità di marketing.
Per favore facci sapere le tue preferenze: