5 idee Social per il marketing turistico

La gestione dei canali social di una struttura turistica, di un albergo o di un hotel non è cosa semplice. La maggior parte delle volte, l’aggiornamento dei profili viene assegnato ai vari addetti all’accoglienza senza definire un’esatta strategia.

Sicuramente in questo post non scenderò nel dettaglio dei problemi che affliggono la gestione del personale degli alberghi, ma semplicemente proverò a proporvi 5 idee che possano far ripartire con il piede giusto tutti i canali social presidiati, più 1 suggerimento aggiuntivo per i più volenterosi.

Iniziamo dal principio…

Siamo sicuri che alla nostra struttura servano profili su tutti i social esistenti?

No, ma siamo sicuri al 100% che è bene tenere presenti sempre almeno questi:

  • Facebook
  • Google My Business
  • Instagram
  • Twitter (per i più audaci)

Facebook

Il mondo dei social gravita attorno a Facebook e sicuramente possedere una pagina fan proprio su questo social è opportuno. Chi usa i social, normalmente, è partito proprio da Facebook e quasi sicuramente avrà un profilo: condizione necessaria per visualizzare tutti i vostri aggiornamenti e potervi seguire.

Questo social permette di condividere qualsiasi tipo di contenuto: grafico, fotografico, video, testo, GIF, link, opportunità di lavoro, etc…

L’utilizzo è semplice sia attraverso il browser internet che attraverso l’app per smartphone molto completa.

Avere una pagina fan di rappresentanza di un’attività ricettiva è importante: dà la possibilità di mostrare i propri prodotti e servizi, di comunicare novità o comunicazioni di servizio, di sottolineare le differenze con la concorrenza e i propri punti distintivi.

Di fatto, una pagina fan Facebook può diventare quasi come un sostituto del sito web per un’attività ricettiva (o locale), totalmente gratuita e di semplicissima gestione (basta qualche foto o video fatti con il telefono e tanta buona volontà).

Inoltre, grazie a Facebook Ads è possibile pubblicizzare messaggi, prodotti e novità su aree geograficamente delimitate (a vostro piacimento), con una spesa minima di pochi euro al giorno, anche per brevi periodi. Con il prodotto o il servizio giusto, diventa perfino facile raggiungere clienti nuovi e abituali.

Google My Business

Un tempo esisteva Google Plus. Oggi invece l’evoluzione di Google ha prodotto Google My Business, forse il primissimo canale da considerare per le attività locali e per quelle ricettive/turistiche in generale.

Cos’è Google My Business? Avete presente quelle schede delle varie attività locali con recensioni, foto, orari di apertura, etc che appaiono su Google e su Google Maps? Quello è Google My Business. È gratuito e a dir poco INDISPENSABILE per chi gestisce attività di questo tipo.

Permette di:

  • pubblicare prodotti e servizi con il prezzo;
  • aggiungere foto e album;
  • comunicare novità che appaiono direttamente sulla pagina dei risultati di Google e sulla mappa tramite una sorta di area news;
  • raccogliere recensioni dai propri clienti (e poter rispondere a tali recensioni);
  • indicare giorni e orari di apertura dell’attività;
  • inserire delle descrizioni testuali sull’attività;
  • inserire l’indirizzo preciso dell’attività locale, affinché sia “navigabile” direttamente da Google Maps;
  • è anche possibile creare un sito gratuito con Google Site, da collegare a Google My Business

Il grande vantaggio di Google My Business, comunque, è dato dal fatto che la tua attività sarà trovabile da chi cerca su Google quel tipo di attività, sia essa un hotel, un ristorante, una pizzeria, uno studio di tatuaggi, un dermatologo, uno psicologo, etc…

I risvolti di una piccola strategia su Google My Business, quindi, possono essere apprezzabili soprattutto per un’indicizzazione dei contenuti proprio sulle ricerche Google.

statistiche google my business
Ecco le statistiche dell’ultimo mese di attività della nostra scheda Google My Business (Bee Social Srl): oltre 1.500 visualizzazioni da parte di persone probabilmente interessate ai servizi di un’agenzia di comunicazione e marketing online. 1.500 occasioni di business e visibilità, senza particolari sforzi.

Esempio – Quando un utente cercherà “Medicina Estetica a Riccione”, se la vostra struttura sarà su Google My Business, ci saranno delle possibilità che nei risultati di ricerca emerga anche la vostra struttura, oltre a quelle dei concorrenti.

Abbiamo approfondito questo tema svariate volte nel nostro blog. Puoi approfondire qui:

Instagram

Instagram è diventato fondamentale per una buona gestione della comunicazione online, diventando probabilmente il social network di punta oggigiorno, cioè quello che viene considerato come il primo canale da aprire per un’attività che si affaccia per la prima volta sui Social, anche se Facebook mantiene un numero di utenti maggiore.

Instagram lavora esclusivamente con foto e video (di varia durata) accompagnate da testo e hashtag, pertanto saranno necessarie alcune dinamiche di engagement per una strategia davvero completa.

Avere un profilo su Instagram, per un albergo o un ristorante ad esempio, significa anche presidiare il web sfruttando l’onda del real-time marketing, oltre a mostrare il proprio livello di servizio agli utenti indecisi che stanno decidendo quale hotel o ristorante prenotare.

Instagram è un canale di comunicazione IMMEDIATO, in cui poter mostrare le proprie peculiarità e il day-by-day dell’attività ricettiva.

Quanto sarebbe bello pubblicare una camera in disordine con le collaboratrici che la sistemano? La foto successiva potrebbe essere una camera perfetta e pronta da consegnare. 
Oppure mostrare la preparazione dei piatti, il buffet della colazione, la piscina assolata, un video dello chef che racconta il menù del giorno, etc…

Tutto ciò è fattibile: basta uno smartphone e, ancora una volta, volontà.

Come per Facebook, anche Instagram sfrutta la potenza della piattaforma Facebook Ads per pubblicizzare i propri post e arrivare a nuovi clienti. Poca spesa, massima resa!

Twitter

Personalmente sono piuttosto scettico sull’uso di Twitter per le strutture turistiche e ne vedo un’utilità esclusiva per azioni di customer care, anche se probabilmente al giorno d’oggi è più indicata una piattaforma social come Whatsapp o Telegram per gestire il dialogo quotidiano con clienti e potenziali clienti.

Twitter è sicuramente un social dalle grandi potenzialità, ma le attività locali aperte al pubblico fanno fatica a seguirlo come si dovrebbe per mancanza di tempo e di competenze.

5 idee Social per il marketing turistico

Per gestire bene i social di un albergo non servono strategie da migliaia di euro al mese, ma utilizzando il buon senso è possibile mettere insieme alcuni contenuti belli e affidarne la gestione a personale esperto e appassionato.

Sicuramente se non si dispone di un collaboratore forsennato sui social è opportuno affidarsi a professionisti che sappiano mettere in buona luce la struttura turistica con una strategia curata nei minimi dettagli.

Prima di vedere insieme le 5 idee per gestire bene i social delle strutture turistiche vorrei lasciarvi alcune indicazioni sulla pianificazione delle azioni:

  • Partire anche solo con 2-3 aggiornamenti a settimana, pianificati e studiati
  • Programmarli a orari sensati: normalmente gli utenti vi seguono nel tempo libero (pausa pranzo e dopo le 19.00), quindi valutate di pubblicare in quegli orari
  • Se hai una struttura stagionale sfrutta il “fuori stagione”, per invogliare con fotografie mozzafiato e spingere gli utenti alla prenotazione
  • Rispondere sempre a tutti i commenti e recensioni almeno con un like. La velocità di risposta è un bel segnale per i clienti, ma anche per Google My Business, che valuterà questo elemento come variabile positiva per far salire di ranking la tua scheda Google My Business rispetto a quelle concorrenti.
  • Oltre ai 2-3 aggiornamenti settimanali, fissatevi 2 momenti della settimana aggiornamenti in real-time.

Vediamo quindi insieme le 5 idee Social per il marketing turistico:

1

Metti a disposizione uno smartphone per i tuoi clienti

Può essere un’idea carina quella di acquistare uno smartphone (o una webcam) ultimo grido e consegnarlo ai clienti per scattarsi foto e fare video.

A fine giornata avrete raccolto una quantità interessante di contenuti che potrete sfruttare sui vostri canali. In genere le donne sono piuttosto appassionate di fotografia durante le vacanze e sarà facile convincerle a portare lo smartphone in spiaggia o durante una passeggiata.

Per chi offre escursioni “estreme”, è possibile acquistare anche una GoPro o prodotto similare e consegnarla ai clienti in partenza per una giornata di rafting o per un giro sulle moto d’acqua. Ritornati potrete inviare loro il video in regalo e ottenere un preziosissimo contenuto per la vostra strategia social.

2

Assumere un receptionist che sappia usare bene i social

La passione, da sola, non conta. Il vostro miglior receptionist al giorno d’oggi deve sapere sicuramente come trattare il cliente, ma si deve anche ricordare che il bureau dell’accoglienza non è solamente in albergo, ma anche online.

Cercatene uno Social-addicted a sufficienza che abbia voglia di condividere contenuti curati sui social. Non affidate questo incarico allo stagista dell’istituto turistico e quando fate i colloqui chiedete se usano i social, in che modo e se hanno piacere di seguire i vostri.

3

Concorso per i clienti

La tematica dei concorsi è piuttosto ostica e piena di ostacoli burocratici. Sicuramente non ci saranno problemi se voi metterete in palio alcuni servizi gratuiti della vostra struttura a chi parteciperà alle vostre iniziative (d’altronde, quante volte abbiamo giocato a tombola a Natale in albergo?).

L’idea potrebbe essere quella di chiedere ai clienti di fotografare il miglior piatto servito, il miglior cocktail, un panorama, la piscina e molto altro ancora. L’unico limite è la fantasia ma è fondamentale che predisponiate per bene il regolamento, l’ambientazione della foto e che la decisione del vincitore avverrà in base a quanti like riceverà la foto.

Per un concorso simile le piattaforme migliori possono essere Facebook (il cliente invia la foto e voi la pubblicate) e Instagram (il cliente pubblica la foto taggando la vostra struttura e utilizzando un hashtag che avete definito).
Quando un utente vince, ricordatevi di darne notizia attraverso i canali social dove avete proposto l’iniziativa.

4

Raccontare la vostra località turistica

Per attirare gli utenti e fargli prenotare una vacanza da sogno potreste pensare di pubblicare argomenti relativi alla località in cui si trova la struttura turistica.

Soprattutto nei momenti di bassa stagione sarebbe opportuno mettere a punto delle mini-guide da pubblicare sui social e che invoglino gli utenti a soggiornare presso di voi in quella determinata località.

5

Foto, foto, foto

Ne abbiamo già parlato anche nei precedenti punti, ma sono davvero fondamentali. Curate al massimo i contenuti fotografici, applicando se possibile anche una cornice / template che riporti il vostro logo e la località.

Quando gli utenti condivideranno i contenuti stupendi che pubblicherete, verrà diffuso anche il vostro nome e quindi il vostro brand sarà molto più riconoscibile. Sfruttiamo al massimo le foto degli utenti e impegniamoci a tirare fuori sempre nuovi contenuti fotografici da pubblicare: una tavola natalizia, i fiori della primavera, le uova di Pasqua, il sole d’estate, l’acqua fresca in un giorno caldo, il tramonto sul mare, l’alba in montagna, ecc…

Queste sono solamente 5 idee che possono in un qualche modo essere utili a tutte le strutture turistiche in generale. Sicuramente ogni albergo, ogni hotel, ogni residence, ogni villaggio turistico ha delle peculiarità per le quali valga la pena di pensare a qualcosa di più strutturato.

In questo senso, gli esperti di marketing digitale possono venire in aiuto e anche noi di Bee Social saremmo ben lieti di darvi alcuni consigli senza impegno!

CONSIGLIO EXTRA – Creare un calendario con argomenti a target

Sui social vanno forte le “giornate nazionali”, che possono essere più o meno istituzionali. A inizio stagione fai un check delle giornate che possono essere inerenti con la tua attività turistica e programma mese per mese i post che dovranno uscire.

Se ti serve un promemoria, trovi tutte le date del calendario social qui.

Qualche esempio? Il 17 febbraio è la giornata nazionale del gatto: se il tuo hotel accetta gli amici a 4 zampe potrebbe essere la scusa perfetta per ricordarlo ai tuoi potenziali clienti!

O ancora: il 1 aprile può essere simpatico creare uno scherzo social per i tuoi utenti, pensa già da ora a un’idea vincente e mettila in calendario… farai un figurone!

Altri articoli di Sandro Menin

Machine Learning: sta davvero entrando nelle nostre vite?

A quanto pare si! Il Machine Learning è sempre di più “realtà...
Leggi di più

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bee Social Srl userà le informazioni che hai fornito per l'invio di newsletter informative, con aggiornamenti di settore o per finalità di marketing.
Per favore facci sapere le tue preferenze: