Le novità su LinkedIn per il 2022

Con oltre 766 milioni di utenti registrati, LinkedIn si classifica oggigiorno come il social network più utilizzato dalla forza lavoro mondiale, ossia da parte degli occupati e di quelli in cerca di occupazione.

Oltre il 95% dei recruiter e dei cacciatori di teste dichiarano di utilizzare LinkedIn per scovare il candidato perfetto.

D’altro canto ci sono purtroppo candidati che sfruttano la piattaforma soltanto per  affiggere in bacheca il proprio cv digitale, rischiando di non ricevere nessuna proposta di lavoro e di cadere in breve tempo nel dimenticatoio.

Lo scopo principale di LinkedIn per i singoli lavoratori e per le aziende, dunque, qual è? Farsi conoscere, affermarsi in ambito lavorativo e fare rete.

Lato business, però, LinkedIn è anche un eccellente strumento per portare il tuo messaggio a specifici professionisti, magari di una zona ben precisa. Facciamo quindi un piccolo excursus su come LinkedIn può essere utilizzato efficacemente in ottica Lead Generation e Sales, e subito dopo vediamo le ultime novità del Social Network innovativo per il lavoro.

Creare Lead generation con LinkedIn

statistiche linkedinLinkedIn è il luogo virtuale di incontro tra domanda ed offerta sia per il mercato B2B che per il B2C. Dai dati forniti da Omnicore, oltre il 97% dei marketer B2B lo utilizza per proporre attività di content marketing.

Dai dati Hubspot, LinkedIn genera il più alto tasso di conversione pari al 2,74%, quasi 3 volte superiore (277%) rispetto a Twitter (0,69%) ed a Facebook (0,77%).

Con la sua Lead Generation, ossia con l’insieme di tecniche di marketing, le aziende possono, attraverso la piattaforma, generare potenziali contatti e attirare persone realmente interessate. LinkedIn ad oggi è quindi il canale social più efficiente per generare ed acquisire nuovi contatti in ambito lavorativo.

È importante dunque curare la propria immagine online per non cadere nelle non-conversazioni.

>> Ne avevamo già parlato tempo fa, in un altro nostro articolo: bee-social.it/linkedin-lo-stai-facendo-male/

Per avere un profilo visibile online, ti consigliamo di:

  1. Dedicare del tempo per accrescere la tua rete
  2. Creare dei contenuti di valore
  3. Monitorare l’indice di gradimento dei tuoi post, visualizzando il numero di reazioni, commenti e
  4. Relazionarti con gli altri utenti

A volte però non basta selezionare argomenti di valore da condividere, ma è importante anche pubblicarli quando la tua rete è online.

Secondo l’analisi condotta da Hubspot:

  • Se hai un’azienda che opera nel B2C è preferibile condividere contenuti tra le 11:00 e le 14:00
  • Se operi nel B2B, meglio pubblicare al di fuori della fascia oraria dalle 9:00 alle 17:00
  • Se lavori presso un’azienda sanitaria e di formazione dovresti pubblicare tra le 11:00 e le 13:00
  • Se operi nel campo dell’informazione tra le 8:00 e le 10:00. 
[Vuoi sapere come funziona LinkedIn Ads? Leggi qui! Se invece hai bisogno di supporto per la tua Strategia LinkedIn e per la gestione di una pagina aziendale, guarda qui]

📲 Una novità presto abbandonata in casa LinkedIn: le Stories

Avevamo davvero bisogno delle Stories su LinkedIn? Il tempo ha dato la risposta: no. L’introduzione delle storie su LinkedIn aveva generato un iniziale imbarazzo generale ed in alcuni casi scetticismo.

Non è un caso che siano arrivate a casa LinkedIn proprio nel momento più intenso ed anomalo per i lavoratori. Il lockdown ha spinto infatti molti a lavorare in smart working ed a fondere la vita privata con quella lavorativa. Funzionavano nella solita maniera, ormai nota da Instagram, Snapchat & co:

  • Condividere in diretta foto o video
  • Caricare contenuti già salvati in galleria
  • Decidere a chi rendere visibile i contenuti condivisi ed a chi nasconderli
  • Salvare le storie, entro le 24h dalla pubblicazione
  • Condividerle con i collegamenti di primo livello, tramite messaggio privato
  • Accedere agli Insight, per visualizzare i dati relativi alla reach, al nome ed ai dati personali dei visualizzatori della storia

Ma, come detto, le stories dopo solo 1 anno sono state dismesse. Vediamo quindi quali sono le ultimissime novità che sta testando LinkedIn.

🆕 Novità 2021 – 2022 su LinkedIn

Dopo il tentativo delle stories su LinkedIn, lanciate dal social a settembre 2020 e abolite già dopo meno di un anno, il 2021 sta portando altre interessanti novità sul social network del lavoro (tutte work in progress, saranno rilasciate nel 2022).

Ad esempio le videochat, pensate per agevolare gli utenti business nella comunicazione a distanza, senza dover connettersi ad app diverse.

“Aggiungendo la videoconferenza come parte dell’esperienza di messaggistica, i membri possono connettersi virtualmente mantenendo il contesto della loro conversazione esistente. – ha affermato il portavoce LinkedIn in un recente comunicato – Ora, i membri possono facilmente pianificare riunioni video gratuite con la propria rete senza la necessità di scaricare un client o iscriversi a qualsiasi servizio. Abbiamo anche incluso informazioni sul profilo specifiche di LinkedIn, che forniscono ai membri un contesto utile sui loro partner di conversazione“.

Un’altra importante novità è il Marketplace, ideato per provare a contrastare l’avanzata di altre famose piattaforme per la ricerca di collaboratori, come Upwork and Fiverr. Si tratta di un servizio che permette alle aziende presenti sul social di trovare freelance in settori come il design, il marketing e lo sviluppo di software. I datori di lavoro possono confrontare le tariffe e il tipo di lavoro dei professionisti, scegliendo il profilo perfetto.

Infine LinkedIn si appresta a inaugurare un pari grado di Clubhouse, il famoso social basato unicamente sulla voce. Si tratterebbe di un’esperienza audio social all’interno della sua app, che consenta di connettersi con la propria community.

Stiamo effettuando alcuni primi test per creare un’esperienza audio unica collegata alla vostra identità professionale – ha dichiarato Suzi Owens, portavoce LinkedIn – e stiamo esaminando come integrare la dimensione audio ad altri aspetti di LinkedIn come eventi e gruppi, per offrire ai nostri membri ancora più opzioni per connettersi alla loro community“.

Occhi puntati sul 2022 dunque, quando le novità dovrebbero aumentare anche con la creazione e gestione di eventi digitali sul social, compresa la vendita diretta dei biglietti per parteciparvi e la possibilità di mappare l’andamento delle iscrizioni tramite una dashboard dedicata.

Scritto da
Altri articoli di Erica Cantillo

Le novità su LinkedIn per il 2022

Se vuoi approfondire l’argomento delle LinkedIn Stories, capire come utilizzarle all'interno della...
Leggi di più

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bee Social Srl userà le informazioni che hai fornito per l'invio di newsletter informative, con aggiornamenti di settore o per finalità di marketing.
Per favore facci sapere le tue preferenze: