Seo Copywriting e Campo Semantico: 4 pilastri da tenere a mente

Cosa vuol dire scrivere online per i motori di ricerca? Hai mai sentito parlare di Seo Copywriting? Se segui progetti online anche da poco tempo, avrai acquisito qualche trucchetto. Però online le cose cambiano in fretta…

Sostienimi! :)

Cosa vuol dire scrivere online per i motori di ricerca? Hai mai sentito parlare di Seo Copywriting? Se segui progetti online anche da poco tempo, avrai acquisito qualche trucchetto. Però online le cose cambiano in fretta, è assodato che certe pratiche non funzionino più: riempire all’inverosimile una pagina web della parola chiave di interesse non serve, anzi ottieni probabilmente il risultato contrario. Rispondere ai molteplici dubbi degli utenti, individuare il campo semantico attorno a una parola chiave principale e tenere alla portata di mano un keyword tool e il dizionario dei sinonimi, invece, serve eccome.

Serve a guadagnare visibilità sui contenuti che pubblichi online, siano essi articoli di un blog, liste FAQ o pagine di prodotto o servizio. Perché seo copywriting, di fatto, significa:

  1. produrre molte informazioni utili,
  2. rispondere precisamente alle specifiche domande degli utenti,
  3. acquisire autorevolezza su determinati argomenti.

Basta questo a scrivere contenuti da prima pagina di Google? Non propriamente; la faccenda è un po’ più complicata di così.

Oggi voglio condividere alcune strategie che permettono di lavorare efficacemente lato Seo Copywriting con il fine di scrivere testi online che soddisfino le esigenze degli utenti, abbracciando contemporaneamente le necessità dei motori di ricerca. Prima di fare ciò, però, apro una brevissima parentesi per spiegare cos’è e a cosa serve la semantica nel web copywriting. Se l’argomento “scrittura per il web” ti intriga, qui puoi trovare tutti i nostri articoli sull’argomento: www.bee-social.it/category/copywriting.

Semantica e scrittura online

Con scrittura semantica si intende la capacità di scrivere online includendo il maggior e più completo insieme di termini che fanno parte di uno specifico contesto di significato.

Prendo a prestito lo schema di Giulia Bezzi, che sul blog di Semrush esprime perfettamente questo concetto con un esempio, che riporto di seguito:

campo semantico scrivere online

In questi 4 contesti semantici si parla sempre di scarpe. Certo. Però sono scarpe molto diverse tra loro, cercate da 4 (o più) tipologie di utente-cliente diverse. Copywriting semantico significa proprio saper infilarsi nel contesto specifico, sviscerando parole chiave, concetti e contenuti correlati.

I motori di ricerca si stanno muovendo verso un uso “conversazionale” tra il motore di ricerca stesso e l’utente. Aumentano le ricerche sui motori più lunghe ed articolate, come se si trattasse di una domanda posta ad un’altra persona. Ciò è favorito anche dai dispositivi mobile, che offrono rapidità con ricerche audio, dettate al motore di ricerca senza dover digitare alcunché.

Anche per questo motivo i motori di ricerca stanno incorporando segnali semantici nei loro risultati, così da offrire pagine dei risultati di ricerca sempre più personalizzate e contemporaneamente più precise rispetto alle molteplici (e diverse, specifiche) richieste operate dagli utenti (ognuno a suo modo).
Sinonimi e contenuti correlati sono fondamentali per offrire quella ricchezza di contenuti che ora Google ricerca nei contenuti online da premiare.

4 consigli “macro” per un seo copywriting di successo

1. Fornisci valore e organizzalo di conseguenza

Google ha bisogno di autori/produttori di informazione “fidati”. Ha bisogno di autorevolezza ed è disposto a premiarla molto bene. Però devi fornire informazioni puntuali, aggiornate, approfondite, rispondenti alle necessità diffuse degli utenti su un dato argomento.
Se disponi di tali informazioni e sei esperto, c’è una checklist di domande a cui puoi rispondere per far capire “a Google e ai lettori” che tu sei un’auctoritas sul tal argomento:

  • Su quali parole chiave vuoi ottenere visibilità sui motori di ricerca?
  • Quali concorrenti hanno la maggiore visibilità su tali keyword?
  • Perché, secondo te, sono lassù? (= osservazione, lettura dei contenuti, meta tags, struttura link dei concorrenti)
  • Quali sono i loro punti di miglioramento? (leggi: quello che devi fare per creare contenuti migliori dei loro)
  • Analisi sui tuoi contenuti: da chi sono letti? Quanti e quali utenti pervengono sui tuoi contenuti e come interagiscono con essi? Trovano le risposte che cercano, nei tuoi contenuti online?
  • Come puoi migliorare la struttura delle tue pagine web e la loro user experience?

2. Sviluppa dei contenuti che rispondono esattamente alle domande del tuo target ideale

Il titolo già dice tutto. I tuoi lettori ideali (potenziali clienti) hanno dei bisogni informativi che corrispondono a una domanda che chiederanno al motore di ricerca. Ecco, prendi quella domanda e sviscera tutto il sapere, provando ad anticipare anche questioni correlate alla stessa domanda, prodigandosi in spiegazioni semplici e sfruttando materiali multimediali. Qualche consiglio pratico:

  • Schematizza il tuo articolo, con punti elenco e istruzioni passo-passo. Sfrutta ricerche molto puntuali che iniziano con “perché…”; “come fare a…”; “cosa significa…”, etc.
  • Cerca di essere vario nell’uso delle parole chiave. Usa strumenti come keywordtool.io, keywordplanner di Google o SeoZoom, ad esempio. Per la verità, anche interrogare ripetutamente Google e vedere le ricerche suggerite o correlate ti dà grandissimi spunti.

3. Struttura le frasi in maniera chiara e basate su rapporti “domanda-risposta”

Detto più banalmente: scrivi con un linguaggio naturale e più semplice possibile, inserendo domande e risposte. Parti dalle domande degli utenti e rispondi con una struttura il più possibile “soggetto-predicato verbale-complementi”, facile da interpretare sia per i lettori che per gli spider dei motori di ricerca (il cui compito è capire di cosa stai parlando in ogni pagina e il livello di completezza e qualità che stai erogando).
Consigli pratici:

  • Rileggi quello che hai scritto a voce alta: è immediatamente chiaro? Puoi semplificare ciò che hai scritto senza perdere la qualità dei contenuti?
  • Hai posto nel testo una domanda tipica dei tuoi lettori? Hai risposto esaurientemente a quella domanda?

Provo a fare un esempio. Sarebbe da favorire una tipologia di scrittura espressa nella frase 2 dei due seguenti esempi, anche se non sarà sempre possibile:

1. Cos’è il Seo Copywriting? Perché scrivere online è così diverso da scrivere su carta? Che siate stati dei bravi studenti di italiano o meno, online è richiesta una tipologia di scrittura che risponda precisamente alle regole suggerite da Google e da altri motori di ricerca, che tenga conto dell’uso di parole chiave, di come lavorano i bot di Google che scansionano il web, che consideri sinonimi ed entità.

2. Cos’è il Seo Copywriting? Il Seo Copywriting è quell’attività di stesura di contenuti per il web facili e piacevoli da leggere (da parte dell’utente), che rispondano a bisogni informativi dell’utente e soprattutto coerenti con le regole di ottimizzazione SEO (parole chiave, sinonimi, entità, etc) per ottenere un buon posizionamento complessivo della tua pagina web nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

featured snippet seo copyIl rispetto della regola “domanda-risposta” favorirebbe anche l’inserimento nei featured snippet, ossia quei riquadri posti sopra al primissimo risultato che portano un grande apporto in termini di visibilità e visite a chi riesce a posizionarsi lassù.

4. Sfrutta il linking interno

Cerca di creare rimandi ad altri contenuti del tuo sito, per favorire la navigazione e l’esperienza utente, ma anche per fornire contenuti complementari sviluppati altrove.

Sforzati di linkare pagine d’atterraggio interessanti per il tuo business, dove puoi più facilmente trasformare il lettore in cliente. Inoltre, dai sempre più risalto alle pagine più importanti del tuo sito (che saranno linkate con altre pagine rilevanti per i tuoi obiettivi di business).

Conosci altre buone pratiche da osservare religiosamente, quando si parla di scrittura per il web?


Accedi a risorse riservate – gratis – ogni mese (e ottieni subito gli e-book per creare nuovi contenuti e su “come guadagnare online”)


More from Luca Crivellaro

Click Baiting Facebook: quali implicazioni lato copywriting?

Click Baiting su Facebook - Oggi affrontiamo un risvolto particolarmente interessante di...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *