Social Audio: la voce è il nuovo trend dei Social Media

Torniamo per un momento a febbraio 2021: Clubhouse inizia ad essere sulla bocca di tutti e in pochissimo tempo registra un’enorme quantità di download. Tutti vogliono entrarci, ma in pochi ci riescono. Un Social Audio al 100%, in cui conta soltanto una cosa: i dialoghi tra persone su determinati argomenti. C’è spazio solo per la voce (e l’ascolto, ovviamente).

La piattaforma, misteriosa ed esclusiva, sembra essere una stella cometa ma nonostante l’hype attorno ad essa sia sparito, Clubhouse è riuscito a lasciare un segno nel mondo dei social media.

Oggi in tanti stanno cercando di emularlo, Facebook, Twitter, LinkedIn. Tutte le maggiori piattaforme social stanno cercando di cavalcare l’onda dell’audio e dei contenuti live, chissà se ci farà un pensierino anche Donald Trump per il suo nuovo social? Non sai di cosa sto parlando? Vuol dire che ti sei perso la nostra ultima newsletter: clicca qui e scorri in fondo alla pagina per iscriverti! 😉

Probabilmente il periodo di isolamento sociale dovuto alla pandemia ha contribuito al successo delle piattaforme basate sull’audio, come Clubhouse e Discord (che vedremo in seguito).

Inoltre, sono anni che veniamo bombardati quotidianamente da una quantità esagerata di contenuti visivi e i nostri occhi sono semplicemente stanchi: messaggi vocali, audiolibri e podcast sono popolari più che mai.

Ma a che punto siamo con i social media mainstream? Abbiamo raccolto in questo articolo alcune novità relative all’audio che stanno per arrivare sulle nostre piattaforme preferite. Scopriamole insieme!

I nuovi progetti “Vocali” sui Social Network

👋🏻 Clubhouse: finalmente anche su Android!

Lo abbiamo già citato nell’introduzione ed è stata la scintilla che ha fatto partire il tutto. Come potevamo non iniziare da Clubhouse?

Parte del suo successo è dovuto sicuramente al suo carattere “esclusivo”: piattaforma disponibile soltanto per iOS e accessibile solo via invito, d’altronde è risaputo che l’essere umano vuole ciò che non può avere.

Gli utilizzatori di Android non hanno ancora avuto la possibilità di provare Clubhouse ma l’attesa è ormai al termine. Da pochissimi giorni l’applicazione è presente nel Play Store italiano; non è ancora scaricabile, ma è possibile “preregistrarsi”. In questo modo l’app verrà installata automaticamente sul proprio dispositivo non appena sarà disponibile.

Nonostante questa apertura ad un più vasto bacino di utenti, l’accesso a Clubhouse è ancora su invito, pertanto dovrai trovare qualcuno che sia già all’interno della piattaforma per potervi accedere.

🗣 Live Audio Rooms, Soundbites e Podcast su Facebook

Lo abbiamo visto con le Instagram Stories, con i Reels e con tante altre funzionalità: Facebook ama prendere spunto dagli altri social media. Ovviamente, non poteva perdersi il trend del momento: l’audio.

Il 19 aprile, Facebook ha pubblicato un articolo sul proprio blog ufficiale intitolato “Be Heard: Bringing Social Audio Experiences to Facebook”.

Essere ascoltati

…è su questo concetto che Facebook basa l’introduzione delle sue nuove funzionalità audio: Soundbites, Live Audio Rooms e Podcast. Vediamole una per una.

Soundbites

I Soundbites saranno un nuovo formato di post Facebook: non più solo testi, gif, foto e video. Grazie a questa funzionalità gli utenti potranno condividere sulla propria bacheca delle brevi clip audio, perfette per “registrare aneddoti, battute, momenti di ispirazione, poesie”.

Potrai registrare i tuoi audio anche in strade trafficate, ci penserà Facebook a cancellare i rumori esterni. Inoltre, gli utenti potranno modificare e personalizzare i propri Soundbites direttamente dall’applicazione con gli effetti per modificare la voce, la musica di sottofondo o della musica di coda per un’uscita con stile.

Live Audio Rooms

Per questa seconda funzionalità, l’ispirazione è chiaramente Clubhouse. Le stanze audio in diretta diventeranno accessibili a tutti in estate e saranno presenti sia su Facebook che su Messenger.

In queste stanze, i fan potranno supportare i loro creator preferiti donando delle piccole somme di denaro sotto forma di stelle, la moneta virtuale della piattaforma.

Podcast

Tra qualche mese, tutti gli utenti Facebook potranno ascoltare podcast direttamente tramite sul social, anche tenendo l’applicazione in background.

In base ai tuoi interessi, l’algoritmo della piattaforma ti aiuterà a scoprire facilmente nuovi podcast e nuovi creator.

🐦 Gli spazi e i tweet vocali di Twitter

Spaces Twitter

Dopo una lunga fase di testing, il servizio Spaces di Twitter si allarga. A partire da maggio 2021, il social consente a tutti gli utenti con almeno 600 follower di creare il proprio spazio.

Probabilmente ne hai già sentito parlare: uno “spazio” è una stanza virtuale in cui gli utenti si riuniscono per parlare a voce dei più svariati topic. I partecipanti possono semplicemente ascoltare, oppure decidere di intervenire “alzando la mano”, proprio come su Clubhouse.

Twitter ha annunciato, inoltre, alcune novità che arricchiranno a breve Twitter Spaces. Tra queste, la più importante è probabilmente l’introduzione di “Ticketed Spaces”, ossia delle stanze audio il cui accesso è limitato dall’acquisto di un biglietto.

Gli host degli spazi a pagamento potranno stabilire il prezzo d’entrata e decidere quanti biglietti mettere in vendita.

Tweet vocali

L’anno scorso, Twitter ha introdotto i “tweet vocali”, delle semplici registrazioni audio della durata massima di 140 secondi. Questa funzionalità è ancora oggi in fase di testing ed è, per il momento, disponibile soltanto per gli utenti iOS.

I tweet vocali sono stati pensati per aggiungere un tocco più umano all’utilizzo di Twitter, ma per il momento, la funzionalità non sembra essere molto popolare… chissà se questo cambierà quando diventerà disponibile anche per i dispositivi Android.

💼  Le stanze audio di LinkedIn

Anche il social network dedicato al mondo del lavoro vuole rimanere al passo con i trend. Risale a fine marzo 2021 la notizia che anche LinkedIn stia lavorando allo sviluppo di stanze audio per promuovere le connessioni professionali.

Gli argomenti delle conversazioni saranno incentrati, ovviamente, sul tema del lavoro e della carriera. A definire i partecipanti non sarà solo il loro profilo social, ma la loro identità professionale, fondamentale per il social media in questione.

Al momento non è stata rilasciata alcuna data specifica sull’uscita di questa nuova funzionalità. A proposito di LinkedIn, nel nostro blog abbiamo parlato anche di come fare campagne efficaci su LinkedIn Ads e più recentemente delle LinkedIn Stories.

🎤 Spotify: non solo podcast

Il formato dei contenuti live fa gola anche a Spotify. La società svedese ha acquisito di recente Betty Labs, la cui app “Locker Room” permette ad appassionati ed esperti di sport di discutere in tempo reale degli eventi del momento.

Locker Room è soltanto il punto di partenza: l’obiettivo di Spotify è infatti quello di espandere il target dell’app, introducendo temi quali l’attualità, la musica, la politica e la cultura.

Grazie ai contenuti live, gli artisti potranno entrare in contatto con il proprio pubblico in tempo reale. Potrebbero sfruttare questa opportunità per presentare in anteprima il prossimo album in uscita, per chiacchierare con i fan e rispondere alle loro domande, o anche per esibirsi.

PS: leggi come fare pubblicità su Spotify qui.

🤖 Discord: il tuo posto per parlare

Che tu faccia parte di un club scolastico, gruppo di gamer, comunità artistica mondiale, o semplicemente di un piccolo gruppo di amici che vuole passare il tempo assieme, Discord rende più facile chiacchierare ogni giorno e ritrovarsi più spesso.

Già famosissimo tra i gamer, Discord ha acquisito molta popolarità durante il periodo di quarantena. Più che un social media, possiamo definire Discord come un servizio di messaggistica istantanea in cui tantissimi ragazzi si riuniscono per comunicare e passare del tempo assieme.

Attraverso la piattaforma è possibile effettuare chiamate vocali, videochiamate e scambiarsi messaggi testuali, foto, video, file. Il vero punto di forza di Discord, però, sono i server.

I server non sono altro che dei canali molto grandi al cui interno è possibile creare dei sottocanali dedicati a specifici argomenti.

Come anticipato prima, Discord non è riservato soltanto ai videogiocatori. Sulla piattaforma è infatti possibile trovare server pubblici con migliaia di membri dedicati ad ogni tipo di argomento e attività: club del libro, gruppi di studio, fan club di artisti musicali, community di appassionati di anime,… e così via.

Su questo sito puoi trovare server Discord pubblici organizzati per categoria.

❣️ Un nuovo modo per conoscersi: Chekmate

Chekmate è il nome di una dating app tanto insolita quanto innovativa: in Chekmate non è possibile scambiarsi messaggi testuali. Assurdo vero? Ebbene sì, all’interno dell’app è consentito comunicare soltanto tramite video e messaggi vocali.

L’eliminazione della comunicazione testuale permette una maggiore genuinità nelle conversazioni e abbassa considerevolmente il pericolo di imbattersi in catfish (persone che si spacciano per delle altre).

Nonostante non abbia ancora un grande seguito, l’idea alla base dell’applicazione è estremamente interessante.

L’audio e i contenuti in diretta sono sicuramente il trend del momento. Ciononostante, il mondo dei social non si ferma mai e una nuova tendenza è sempre dietro l’angolo.

Quale sarà la prossima? 🤔

Altri articoli di Valeria Capogna

Come programmare post su Instagram (e perché dovresti farlo)

Per semplificarti la vita e rendere il tuo lavoro più organizzato, puoi...
Leggi di più

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bee Social Srl userà le informazioni che hai fornito per l'invio di newsletter informative, con aggiornamenti di settore o per finalità di marketing.
Per favore facci sapere le tue preferenze: