Dettagli, persone, numeri: le basi di una Strategia di Marketing… in un libro

Internet, si sa, ha stravolto il modo di prendere decisioni, soprattutto decisioni d’acquisto.

Online c’è sempre una grande disponibilità di alternative, il che impone un’evoluzione dei modi di promuoversi, di comunicare.

Vale nel marketing turistico, ma vale in qualunque settore, di fatto. Un bel punto da cui partire per impostare la propria strategia di marketing – soprattutto se parliamo di marketing turistico – e per imparare a muoversi con consapevolezza nel mercato è il libro “Marketing Turistico – Rendi visibile la tua struttura ricettiva online“, scritto da Alex Alessandrini, esperto di marketing online declinato nel turismo. Il libro non divaga, il che per me è già un enorme punto a favore: è pragmatico e condensa tutta l’esperienza di un signor professionista di marketing turistico in poco più di 200 pagine, da tradurre direttamente in azioni concrete.

Impostare una strategia di marketing: da dove partire?

i dettagli nel marketing
La camera d’hotel nelle 2 foto – in questo esempio di Mirna Casadei – è la medesima: il modo di rappresentarla, però, suscita differenti percezioni… con un valore economico-commerciale percepito molto diverso.

Impossibile riportare tutti i trucchi e i consigli pratici raccontati nel libro; però mi è piaciuto ritrovare fin dall’introduzione 3 elementi che dovrebbero permeare qualunque strategia di comunicazione e marketing. Ognuno ricaverà dal libro un proprio insegnamento; il mio passa attraverso dettagli, persone e numeri.

Dettagli e persone

La grande disponibilità e accessibilità di prodotti e servizi ha imposto un cambio di paradigma: le 4P di Porter sono spesso superate (perché è “facile” riuscire a raggiungere livelli accettabili in tutte queste leve), il focus della competizione si sposta invece sulle persone e su come farle sentire durante l’erogazione del proprio prodotto o servizio. La battaglia si gioca sulle percezioni e sulle sfumature, sottili e decisive.

Ad esempio, hai a che fare con turisti/clienti cinesi? Se li accogli anche “di persona” in una struttura turistica, devi sapere che la base minima di servizio che si aspettano di trovare include:

  • Wi-fi gratuito e veloce
  • Ristorante interno all’hotel
  • Bollitore d’acqua in camera
  • Personale che parla cinese (almeno una risorsa)

Ricavando da questo esempio riportato nel libro un assunto generale, l’idea è quella di essere curiosi e attenti ai piccoli dettagli che possono fare la differenza in un mare magnum di servizi analoghi, tutti equidistanti un click dall’utente che desideri.

Tempo

La persona al centro, quindi. Ma qual è la risorsa più insufficiente (e quindi preziosa) di queste persone, di questi potenziali clienti? Il tempo.

Ecco dunque che le comunicazioni che interrompono l’utente, facendogli perdere tempo, sono logore e poco funzionali; spazio invece alle attività che in modalità “pull” attirano il consenso spontaneo dell’utente, accompagnandolo verso il messaggio che vuol trasmettere un brand. Ognuno dovrò fare uno sforzo creativo per capire quali siano queste attività vincenti, che necessariamente saranno un aggregato di creatività, innovazione e bisogni intrinsechi degli utenti.

Ma cosa mettere dentro il messaggio centrale di ciascuna azienda (o hotel)? Il tuo punto forte, ciò che ti distingue, concetto che nel marketing si esprime nella Unique Selling Proposition, la tua arma per vendere, per convincere.

Numeri oggettivi

Studio del proprio settore prima di agire e analisi dei risultati dopo l’azione di marketing sono due fasi che si innescano continuamente, l’un l’altra. Entrambe condividono un elemento comune, ossia i dati. Specialmente nel marketing…

Una persona senza dati oggettivi è una persona che ha delle opinioni.

Una strategia, quindi, deve essere SMART, nel senso dato dall’acronimo di Specifico – Misurabile – Raggiungibile – Rilevante – Definito (nel tempo). Non dico oltre: la spiegazione dettagliata va assaporata nel libro di Alex.


Dettagli, persone al centro della strategia, Unique Selling Proposition, studio dei dati oggettivi: sono solo alcuni dei concetti più teorico-strategici che devono essere perseguiti in una strategia di marketing, sia online che offline, nel marketing del turismo o in qualunque altro settore.

Il libro di Alex riesce ad affrontare in giusta misura la teoria della disciplina, per poi virare rapidamente in una serie di capitoli molto pratici, utili per imparare le basi della promozione online (ad esempio con Google Adwords); della stesura dei testi per un sito web; dell’impostazione da tenere nella realizzazione di un sito web efficace o di una landing page che converte davvero.

marketing turistico libro

Puoi trovare il libro di Alex in libreria e online (ovviamente anche su Amazon, qui: www.amazon.it/Marketing-turistico-visibile-struttura-ricettiva).


Ricevi informazioni gratuite ogni mese – e scarichi gli e-book su “come creare nuovi contenuti” e “come guadagnare online”

Bee Social Srl userà le informazioni che hai fornito per l'invio di newsletter informative, con aggiornamenti di settore o per finalità di marketing.
Per favore facci sapere le tue preferenze:


Altri articoli di Luca Crivellaro

5 consigli per scrivere online nel b2b

Scrivere online per un'azienda b2b: alcuni pensano sia totalmente inutile produrre contenuti...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Bee Social Srl userà le informazioni che hai fornito per l'invio di newsletter informative, con aggiornamenti di settore o per finalità di marketing.
Per favore facci sapere le tue preferenze: