Come vendere su Instagram?

Sapete che c’è chi vende efficacemente su Instagram? Ecco le case history di successo, i tool e cosa fare per vendere su Instagram o guadagnare con Instagram con la pubblicità…

Sostienimi! :)

Come vendere su Instagram, nonostante non siano disponibili (ancora per poco!) funzionalità e-commerce per comprare e vendere?

I fatti parlano chiaro: c’è chi su Instagram riesce a vendere (o a vendersi) – e con risultati incredibili – sia in maniera diretta, quindi vendendo beni pubblicizzati tramite le foto sponsorizzate pubblicate, sia in maniera indiretta, ottenendo notorietà che si trasforma in collaborazioni. Quando parlo di “vendere su Instagram” intendo anche “guadagnare con Instagram“, perché molto spesso non c’è una reale vendita di prodotti concreti ma l’ottenimento di guadagni tramite la pubblicità o collaborazioni varie.

Avete già capito: mi riferisco agli Instagram Influencers, ossia utenti con grandi masse di follower (utenti che sono riusciti, con le loro foto di qualità e alcune strategie, ad avere un gran numero di seguaci)


Instagram On Fire – Strategie per incrementare i propri follower

instagram-on-fire guadagnare con instagram

Si tratta di un corso per avere successo su Instagram, trovare seguito e guadagnare con i propri profili su Instagram.
Molto interessante il fatto che è possibile scaricare un PDF gratuito, così da iniziare ad approcciare il tema del “guadagno con Instagram”.

Scarica il PDF gratuito!
instagram marketing - Ilaria Barbotti
A proposito: se volete iniziare a vendere su Instagram, dovete partire da “Instagram Marketing” di Ilaria Barbotti. Clicca sull’immagine e LEGGI L’ESTRATTO GRATUITO
LEGGI L'ESTRATTO GRATUITO Vedi il manuale su Amazon

Vendere su Instagram – funzionalità in testing

Vendere su Instagram comincia ad essere una realtà, dato che negli Stati Uniti è in fase di test la possibilità di vendere oggetti dal proprio profilo business Instagram: hai capito bene, sarà possibile vendere gli oggetti che fotografi su Instagram e che hai taggato nelle tue foto.

In sostanza, nella foto potrai taggare i prodotti, indicare il nome del prodotto e il prezzo. L’utente, cliccando sul prodotto, verrà rimandato alla pagina dell’e-commerce in cui il prodotto è in vendita. Inoltre, sempre direttamente su Instagram, verranno mostrati i prodotti correlati al prodotto taggato in vendita.

Anche senza e-commerce su Instagram, c’è chi è riuscito a guadagnare su IG.

Volete qualche esempio spettacolare? Eccoli!

Lo scrittore che sfonda su Instagram – vendita indiretta

R.M. Drake è uno… scrittore! Il nome reale è Robert Macias ed è arrivato, ad oggi, alla modica cifra di 1,2 milioni di follower su Instagram grazie a frasi e pensieri, “fotografati” e pubblicati. Da Instagram si è sviluppata la sua fortuna, portando il suo libro Beautiful Chaos al settimo posto nella categoria poesia su Amazon.

It just started as an experiment. I honestly didn’t think anyone would read it

www.techtimes.com/articles/31427/20150218/who-is-r-m-drake-how-one-writer-used-instagram-to-become-an-amazon-best-seller.htm

La notorietà improvvisa gli garantisce presto contratti con player del calibro di Barnes & Noble. Risultato: molla il lavoro da dipendente, si inventa un proprio lavoro aprendo un negozio su Etsy in cui vende le sue frasi incorniciate o altre creazioni artistiche e diventa – ovviamente – scrittore professionista a tempo pieno, con una media di circa 4000 libri venduti al mese.

Attenzione: negli USA le cose “sembrano” più facili, o meglio: i numeri (in dollari) che girano per gli Instagram Influencer sono molto più alti dello scenario italiano. Questi sono casi particolari, di grande successo: ma il successo su Instagram è fatto di tante piccole collaborazioni, piccoli ingaggi, lavori correlati e, perché no, anche vacanze offerte.

Però bisogna avere pazienza e lavorare sodo sia sulla qualità di foto e video pubblicati, sia a livello di strategie di promozione (compresi i post sponsorizzati). Se te lo stai chiedendo, si: occorre anche investire prima di guadagnare e vendere tramite Instagram. Ecco di seguito qualche altro caso illuminante.

Il fotografo che ha guadagnato 15mila dollari in un giorno su Instagram – vendita diretta

corso instagram for business
Direttamente dall’Academy di Studio Samo, ecco da dove partire se volete fare le cose da professionisti su Instagram.

Daniel Arnold è uno di quei fotografi che riesce a catturare la natura umana, le emozioni, le contraddizioni. In attesa di ingaggi da fotografo, in un’intervista su Forbes dichiarò che era solito girare per la città dotato di iPhone e 35mm a riprendere la realtà, anche per 8 ore al giorno. Senza troppi risultati, però, nonostante fosse stato premiato come miglior fotografo di Instagram da Gawker.com. Un bel giorno, di fronte alle difficoltà imminenti nel pagare l’affitto, pubblica su Instagram questa frase:

Hello, I just turned 34 this second. For one day only I am selling 4×6 prints of whatever you want from my Instagram archive for $150 each. I swear I will never sell anything this cheap again. If you’re interested, send a screenshot of the photo(s) of your choice to [email protected] (one d) and I will send a paypal invoice, followed by a signed print. Easy peasy. Happy my birthday. I love you

Boom! All’età di 34 anni e senza apparentemente grandi aspettative, il giorno dopo l’annuncio ottiene ordini per 15 mila dollari (ecco una delle foto più vendute). Da quel giorno in poi la vendita delle sue foto su Instagram è diventato un lavoro, oltre ad un’incrementata fama come fotografo, con tutto ciò che ne consegue.

Ad oggi, Arnold Daniel può contare su 111 mila seguaci su Instagram – https://instagram.com/arnold_daniel/

L’ammucchiata delle fashion blogger che hanno successo in Instagram

Fashion è immagine e sui Social le immagini la fanno da padrone. Instagram, quindi, è il posto perfetto per Fashion Blogger o Make Up Blogger, perché la parte testuale è meno rilevante, la comunicazione è più immediata con foto e video. Un fattore importante, dunque, è relativo al fatto che non è per forza necessario un blog per iniziare (anche se a mio avviso non è mai una cattiva scelta, anzi!).

La vendita indiretta per loro è l’esito più naturale, perché grazie alla loro immagine e ai numeri social che lanciano sul tavolo delle agenzie di PR, ottengono collaborazioni, vestiti, co-marketing, etc.. Questa è la fetta maggiore dei loro guadagni.

Ma tutti quei vestiti, accessori e prodotti vari che ricevono in regalo dove finiscono? La maggior parte finisce su piattaforme di vendita come Depop, ad esempio, un marketplace rigorosamente mobile popolato principalmente da ragazze, con vendite importanti sul settore moda e vintage.

Due esempi a caso: Chiara Ferragni e Nicoletta Reggio.

I Makers e i sellers – vendita diretta

I nuovi artigiani 2.0, gli hobbisti che “sanno fare cose con le mani” o magari semplicemente i rivenditori con abili capacità di scovare prodotti inusuali sfruttano una serie di piattaforme e marketplace perfetti per vendere senza perdere tempo a sviluppare e-commerce complessi [GUARDA tutte le piattaforme per vendere online]. Però hanno bisogno di visibilità, che costruiscono abilmente su Instagram.

Non porto esempi, ce ne sono tantissimi in realtà, ma voglio porre l’attenzione sul fatto che esistono diversi tool che sfruttando hashtag consentono loro di direzionare i follower da Instagram alle piattaforme di vendita.

Una di queste è Hashbag – https://hashb.ag/how/seller – che permette di costruire un negozio online tratto da Instagram sull’onda dell’hashtag #forsale.

Ma ne esistono davvero tanti:

  • PayWithPenny – https://www.paywithpenny.com/ – gli utenti acquistano pubblicando l’hashtag #sold sotto alla foto del prodotto.

E ancora, tutti molto simili tra loro, per lo più gratuiti:

  • Like2Buy – http://www.curalate.com/solutions/like2buy/
  • TapShop – http://www.piqora.com/tapshop/
  • Instaorders – http://instaorders.com/
  • ShopSeen – https://www.shopseen.com/
  • LetSell – http://letsell.it/
  • Inselly – http://inselly.com/landing
  • Have2Have – https://have2have.it/
  • Spreesy – http://www.spreesy.com/
  • Soldsie – http://new.soldsie.com/instagram-selling/
  • ShopStyle – http://shopstyle.it/ (l’utente che ha messo like alla foto riceve una mail con un link per acquistare il prodotto)

L’imbarazzo della scelta ha trovato una nuova casa, insomma! Mi chiedo che fine faranno tutti questi siti nel momento in cui Instagram permetterà la vendita diretta (mi sembra l’evoluzione più ovvia di Instagram, non è questione di SE ma QUANDO…).

I Super V.I.P.

Altrimenti potete essere dei super VIP, anche se non è proprio facile diventarlo…. Mi riferisco a gente come Kim Kardashian che con i suoi 45 milioni di seguaci wordwide è un canale di marketing privilegiato, esclusivo e molto costoso. Un prodotto fotografato di sfuggita da uno di questi personaggi sposta equilibri, attira attenzioni e fa brand, indubbiamente.

Anche senza essere dei vip incredibili, chi riesce in qualche maniera ad ottenere dei seguiti di centinaia di migliaia di utenti diventa, di fatto, un media che muove opinioni e “detta legge” in determinati settori. Ecco che nascono, di conseguenza, delle agenzie che si occupano proprio di mettere in contatto questi “megafoni” con i brand che hanno bisogno di promozione, magari in maniera visuale e così semplice come avviene su Instagram (esempio: digitalmediamanagement.com).

Come sempre, anche guadagnare su Instagram è un fatto di marketing personale

Tutti questi esempi dimostrano ancora una volta quello che sottolineano a più riprese Skande & Co, ossia che tutto parte da un lavoro di “marketing personale” che ogni persona può e deve sviluppare, sia online che offline. Che vogliate vendere su Instagram o avere qualunque altro tipo di successo nel mondo virtuale, questo si traduce:

1.

Nel costruire contenuti qualitativi, interessanti, originali, informativi, che rispondano a bisogni concreti – LEGGI https://www.bee-social.it/i-fattori-di-posizionamento-google-sempre-piu-basati-sul-contenuto/

2.

Nel fare sempre più visite, aggregando utenti a target LEGGI https://www.bee-social.it/avere-visibilita-su-google-cosa-bisogna-fare/

3.

Nello sviluppare, conseguentemente, una propria credibilità online, una propria autorevolezza – LEGGI https://www.bee-social.it/4-passi-per-avere-successo-online-nel-web-di-oggi/

4.

Infine, nell’individuare il proprio modello di business, che può essere diretto o indiretto (vendi direttamente online VS ti procuri lavori grazie alla credibilità raggiunta).

Instagram, in quanto canale online, può essere un luogo privilegiato dove poter sviluppare questi 4 punti. Abbiamo visto casi di vendita diretta come quello di Daniel Arnold; casi di vendita indiretta come i super VIP o gli artisti in generale che riescono a vendere la propria visibilità o a mettersi in mostra per ottenere, poi, ingaggi di vario tipo.

Anche se, a ben pensarci, sono quasi tutti casi misti rappresentati perfettamente dallo scrittore Drake, che vende quasi direttamente le sue frasi postate su Instagram (sfruttando Etsy) ma guadagna indirettamente come scrittore tramite la fama raggiunta.

Che ne pensate? Ritenete che Instagram possa essere luogo d’elezione per vendere online?


Accedi a risorse riservate – gratis – ogni mese (e ottieni subito l’e-book gratuito su come generare sempre nuovi ed originali contenuti online)


More from Luca Crivellaro

Inglese, progetti, studio: una carriera Digital a cui ispirarsi…

Un percorso lavorativo di digital marketing da cui prendere spunto? Ecco una...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *